«

»

dic
14

IN-Contro …. al Natale

Oggi, 14 Dicembre,

dopo i Vespri, si è svolto l’incontro di catechesi per Giovani e Giovanissimi del Triennio. E’ stato un incontro diverso perché è stato l’IN-CONTRO;


infatti siamo andati IN CONTRO alla gente, a chi era solo, a chi lavorava, a chi non percorre la nostra stessa strada, a chi ha perso la speranza, al giovane che si stava divertendo con gli amici o all’anziano che stava in chiesa a pregare.
Abbiamo posto a tutti delle domande riguardanti questa meravigliosa festa religiosa ed è risultato che il Natale viene associato alla Nascita di Gesù Bambino e che, come simbolo, prevale il Presepe.

Per quello che riguarda la preparazione al Santo Natale, c’è chi la vive nella maniera più tradizionale, addobbando casa e comprando regali, ma c’è anche chi vive tutto l’anno nell’Attesa, nell’Avvento e chi purtroppo non la vive affatto, per lavoro o per scelta.
Alla domanda “Cosa farai la notte di Natale?” la maggior parte delle persone incontrate ha risposto “Cenerò in famiglia” anche se comunque si è riscontrata la voglia, il desiderio, di partecipare alla Veglia, così come c’è stato molto interesse nel conoscere gli orari della Novena a Gesù Bambino (un momento importante per molti) e delle Confessioni.

Tra i doni che si vorrebbero ricevere o fare, prevalgono, fortunatamente, cose non materiali quali la felicità, la salute, il bene nel mondo, la capacità di ascoltare chi ci è accanto, ma anche soldi e lavoro, in un momento di crisi “globale” che però non impedisce di festeggiare il Santo Natale, come cambiamento di vita, non solo per chi fa un cammino di fede, ma per tutti.

Il riscontro di questo sondaggio è stato alquanto positivo, anche se non tutti rispondevano in maniera spontanea. Si conosce qual è la Strada Giusta da percorrere, la strada che conduce a Dio, ma spesse volte capita che, presi dalla frenesia quotidiana, o dal materialismo inutile, si perde di vista la “Stella Cometa”.
L’augurio che, quindi, ci facciamo e faccaimo a tutti è quello che ogni giorno possa essere un giorno di Attesa, un giorno di cambiamento di vita, un giorno di silenzio interiore nel quale ascoltare il Signore che ci parla: un giorno di Natale.

Gianluca P

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>