«

»

ott
28

Gruppo…o non gruppo?!

Ciao ragazzi, anche questa settimana  si è continuato a parlare di GRUPPO.

Inizialmente alcuni hanno esposto quello che era emerso nei vari team formatisi nell’ incontro precedente. In seguito abbiamo analizzato la parola GRUPPO da due punti di vista.

Il primo scientifico: Annarita ci ha mostrato il gruppo sotto il profilo psicologico e nei suoi vari ambiti di vita, universitario, lavorativo, educativo e familiare; oppure negli ambiti formati da più persone dove siamo noi a scegliere con chi e dove stare, spinti da un obiettivo  comune, dalla fede, o da qualcosa che ci incuriosisce e ci permette di esprimere il nostro modo di essere, un gruppo nel quale ognuno di noi ricopre uno ruolo predominante (come nel brano evangelico, il Pastore) o secondario ( gregge, come nei passi di Pietro, Giacomo e Giovanni). La domanda posta durante l’incontro è stata : “E’ più facile integrarsi in un gruppo durante un ritiro o un’esperienza comunitaria (come potrebbe essere l’esperienza della GMG,) oppure entrando in oratorio un giorno qualsiasi presentandoti?”  Le “new entry”  di questo anno hanno risposto secondo la loro esperienza e quindi secondo loro è più facile entrare durante un’esperienza in comune,  perché si sta  a stretto contatto con tutti e per un certo periodo di tempo, quindi si riesce a raggiungere una certa conoscenza reciproca.

Il secondo punto di vista è quello “Laico”: guidati da don Fabio, che ci ha fatto visionare alcune immagini che ritraevano gruppi familiari, momenti di condivisione, e compagni di avventura, ognuno di noi poteva esprimere la sensazione o il ricordo che queste foto suscitavano. In alcune di queste erano raffigurati molti di noi, un tantino di nostalgia credo sia venuta a tutti poiché sono passati tanti anni da quando sono state scattate, si è cresciuti, alcuni per svariati motivi non sono più tra noi in parrocchia … ma l’ultima foto in particolare mi ha colpito: raffigurava  una scala che andava verso il cielo … secondo la mia interpretazione personale la FEDE cammina dinanzi a noi e ci porta sulla via giusta verso di Lui, che ci aiuta ad affrontare la vita nei suoi momenti difficili e non.

Ringrazio gli educatori e gli altri miei amici giovani perché era il mio primo incontro di questo anno e mi son sentita accolta ed ho potuto esprimermi liberamente senza aver timore di essere giudicata o altro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>